Registrati





A password will be e-mailed to you.

The Blog Single Page

Elfootball organizzazioni sportive > Al Boccaccio vs Marchigiana Quarti Play-Off calcio a 7

Al Boccaccio vs Marchigiana Quarti Play-Off calcio a 7

A volte una grande impresa non diventa tale per un singolo episodio. Lo impara sulla sua pelle Marchigiana che sembrava sul punto di mettere a segno un colpaccio clamoroso contro la ben più quotata Al Boccaccio, ma nella parte finale di una gara interpretata alla perfezione resta con l'uomo in meno e viene castigata da una rivale che ha il merito di non perdere mai la testa e di aspettare pazientemente il momento per fare sua la contesa, momento che puntualmente si materializza. Il turno lo passa così il team di Raduazzo, con merito ma anche con un pizzico di fortuna, mentre per Compagnoni e soci resta il gusto agrodolce di un'eliminazione che sa di beffa.

C'era una chiara favorita alla vigilia della gara e quella favorita rispondeva al nome di Al Boccaccio, capace di strapazzare i Rottamai nel turno precedente. Eppure il bello del calcio è proprio questo, perché per poco non ci scappa il colpo di scena che non ti aspetti. Davanti alle telecamere di ElFootball TV – clicca e visiona infatti, Marchigiana sceglie fin dal principio la strategia vincente, chiudendo i varchi e tappando le infinite bocche da fuoco avversarie per poi provare a fare male colpendo di rimessa.

È una tattica che paga da subito dividendi altissimi, perché dopo una manciata di minuti i bianconeri passano, quando Gonçalves scappa via il contropiede e buca un Scarciglia abbandonato a sé stesso. Una volta avanti il piano del team di Compagnoni non muta di certo e Al Boccaccio è costretta a doversi accontentare di conclusioni dalla distanza, sempre ben controllate da un vigile Parisio.

Sono così i bianconeri a creare le occasioni migliori in contropiede, anche se il raddoppio arriva su palla inattiva, con Compagnoni che irrompe bene su un corner e inchioda il portiere avversario. Marchigiana va quindi al riposo con un cospicuo tesoretto, visto che poco prima dell'intervallo Parisio è bravo a dire di no alla punizione di Raduazzo e ancora più bravo a opporsi al tap-in di Parrinello.

Non muta la solfa nella ripresa, perché Al Boccaccio prova a imprimere alla gara ritmi altissimi, ma la Linea Maginot avversaria regge alla grande e Ferrari con l'ennesima ripartenza fulmina Scarciglia e sembra decidere il match. Lo farebbe davvero se poco dopo non centrasse un'incredibile traversa con una conclusione al volo da antologia e con il senno di poi si può dire che forse proprio in quel momento la fortuna decide da che parte schierarsi.

Passano infatti pochi giri d'orologio e Parisio sbaglia l'intervento sul tiraccio di Lorenzi, un gol che ha l'effetto di rianimare Al Boccaccio e impaurire Marchigiana. Nel giro di un amen è D'Addetta a riaprire completamente i giochi, eppure la partita deve ancora vivere il suo momento decisivo, che capita quando Gonçalves già ammonito non rispetta la distanza, incappa nel secondo giallo e lascia i compagni in sei.

Logico che a quel punto l'inerzia cambi, anche perché Marchigiana fatica tremendamente a contrastare le furibonde avanzate dei rivali che a forza di insistere impattano grazie a Fabbrizio che risolve di prepotenza una mischia paurosa. I nervi dei bianconeri vanno in pezzi e Al Boccaccio ne approfitta allora per passare alla cassa: dalla distanza è Raduazzo a pescare il pertugio giusto e a completare la rimonta. Inutile dire che a quel punto i blues hanno ampi spazi per dilagare ed è quello che fanno colpendo prima con Parrinello sugli sviluppi di un corner, poi con D'Addetta in contropiede.

Finisce 6-3, Al Boccaccio tira un bel sospiro di sollievo e si prepara ad affrontare VIP Garage in semifinale. Esce di scena Marchigiana, punita da un destino avverso, ma comunque tra gli applausi. Nel prossimo Primaverile ci sarà modo di riprovarci.

Tabellino:

Al Boccaccio 6                 
D’Addetta x2, Raduazzo, Fabbrizio, Lorenzi, Parrinello

Marchigiana
Ferrari, Compagnoni, Gonçalves

MAN OF THE MATCH: Morris Raduazzo (Al Boccaccio)

24,

Mar at 9:38 AM

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *