Registrati





A password will be e-mailed to you.

The Blog Single Page

Elfootball organizzazioni sportive > Carrozzeria Catalani vs Atletico Niguarda Semifinale Play-Off C7

Carrozzeria Catalani vs Atletico Niguarda Semifinale Play-Off C7

Il calcio è un gioco semplice: si gioca sette contro sette per cinquanta minuti e alla fine vince Atletico Niguarda. Abbiamo mutuato una celebre massima di Gary Lineker per rendere onore al team di Raduazzo, una macchina da vittorie malgrado gli anni che passano. Meno dotati tecnicamente rispetto a Carrozzeria Catalani, i blues restano incollati con le unghie e con i denti alla furia degli avversari che dopo quaranta minuti all'attacco senza mai riuscire a prendere il largo esauriscono la benzina.

È in quel momento che scatta l'ora di Niguarda che risale la china fino al trionfo e alla conquista della finale, strappata contro ogni pronostico.

Carrozzeria Catalani era dunque la favorita d'obbligo, anche perché si era aggiudicata la sfida del girone. In effetti i campioni del Gold a caccia della doppietta sembrano voler azzannare da subito i rivali e sotto l'occhio di ElFootballTV – clicca e visiona partono lancia in resta alla ricerca del trionfo. Molteni non ha nemmeno il tempo di acclimatarsi e già è costretto agli straordinari, prima per due volte su Biba e poi su Lossani, ma anche lui deve arrendersi quando il numero 9 rosanero tira fuori la clava e dalla distanza centra l'angolino.

La reazione di Atletico Niguarda è tutta nella girata di Merafina che termina di poco a lato, anche perché poco dopo Biba concede il bis con un altro siluro e sembra regalare ai suoi una serata di puro svago.

Non è così invece, perché i blues si scuotono e Speroni è monumentale nell'opporsi per due volte a Merafina, sempre innescato da Lico. Allora Carrozzeria avrebbe la chance di archiviare la pratica con parecchio anticipo, se Lossani servito da Silvestre non calciasse debolmente consentendo a Liquori di sventare sulla linea. In un certo senso è l'episodio chiave del match, dato che poco dopo Merafina è il trampolino ideale per Raduazzo che da posizione defilata fa centro e riapre i conti.

È quello che serve all'Atletico per iniziare a crederci per davvero: è Annunziata quindi a scaldare le mani di Speroni, che viene poi saltato da Merafina ma salvato dallo strepitoso recupero sulla linea di Fiorino. Il pari è nell'aria, invece prima dell'intervallo arriva il nuovo allungo dei Catalani, quando Biba fa tutto da solo prima di servire Magno che a tu per tu con Molteni non perdona.

Si va al riposo e praticamente nessuno sarebbe disposto a credere nella rimonta di Niguarda che invece nella ripresa getta nella mischia Buono, l'uomo della riscossa. È lui a scompaginare i piani della retroguardia avversaria, anche se in avvio pecca di egoismo. Sfortunato è invece Bellomo, il cui bolide si stampa sul palo. A forza di insistere però i blues sfondano, con Annunziata che guida il contropiede e spalanca la via della rete a Raduazzo.

La replica di Carrozzeria però non si fa attendere ed è il solito Biba a ristabilire le distanze sull'assistenza di Lossani, dando inizio a un incredibile ed emozionante botta e risposta: tocca Buono da due passi a riportare sotto Niguarda, ma una sventola di Fichera su punizione rende vano lo sforzo, quindi è ancora Buono a colpire da cobra in area di rigore, invece Biba risolve un lungo batti e ribatti regalando ai Catalani l'ennesimo allungo.

La palla match capita a Lossani che dal limite calcia però alle stelle e lascia in vita i blues: mancano dieci minuti alla fine ed è a questo punto che la sfida svolta completamente. I rosanero si ritrovano improvvisamente senza energie, mentre l'Atletico ha ancora tanta birra in corpo e nel giro di un minuto agguanta il pareggio grazie a un fenomenale Annunziata: il numero 10 inventa dal lato corto una punizione magica, poi pesca il jolly da fuori per quella che per Carrozzeria è una mazzata tremenda.

I Catalani potrebbero riportarsi immediatamente avanti, ma il calcio di inizio di Fichera centra il palo. Niguarda invece pare indemoniata e dopo il miracolo di Speroni su Liquori tocca a Bellomo ispirare il contropiede di Merafina che ribalta completamente il risultato lasciando tutto il pubblico di Cormano a bocca aperta.

Carrozzeria non sembra crederci e prova a riacciuffare in extremis una finale che sembrava presa, peccato per loro che Molteni si superi nuovamente e con un altro contropiede condotto da Annunziata e finalizzato da Raduazzo arrivi il colpo del ko tecnico.

Finisce 8-6 e all'ultimo atto ci va Atletico Niguarda tra lo stupore generale. Niente doppietta invece Carrozzeria Catalani, rimasta senza corona quando stava per salire l'ultimo gradino del trono.

Bollettino

Atletico Niguarda: Raduazzo (3), Buono (2), Annunziata (2), Merafina

Carrozzeria Catalani: Biba (4), Magno, Fichera

Man of the Match: Marco Annunziata (Atletico Niguarda)

21,

Lug at 10:59 PM

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *