Registrati





A password will be e-mailed to you.

I nostri Footballers:

Subscribe via Twitter
Followers
Subscribe via Facebook
Fans
Subscribe via Email
Subscribe
Subscribe via RSS
Readers
Su Erbasintetica.com trovi i migliori prati in erba sintetica per i tuoi campi da gioco.
Sur GazonSynthètique24.com vous trouver les meilleures pelouses en gazon synthétique pour vos terrains de jeux.

The Blog Single Page

Elfootball organizzazioni sportive > Ottavi di Finale Play-Off Primavera calcio a 7

Ottavi di Finale Play-Off Primavera calcio a 7

Qualche dubbio su Carpiano? E allora i biancoblu li spazzano via in una sola notte. Dopo aver chiuso la stagione regolare con due sconfitte, c’era qualcuno pronto a pensare che gli uomini di Luce si fossero sgonfiati dopo un mese e mezzo da fenomeni. Invece quando si è alzato il sipario sui play-off Carpiano ha ricominciato a fare sul serio, mettendo la museruola a una bruttissima cliente come Maledetta, una signora squadra che probabilmente avrebbe passato il turno contro qualsiasi altra avversaria. A fare la differenza è la potenza di Cozza e la classe di Angarano, braccio e mente di una corazzata che può arrivare sino in fondo e che intanto si gode l’accesso ai quarti.

È una sfida splendida la gara in programma a Cormano, come le aspettative lasciavano sperare. Due squadre piene zeppe di talento che giocano a viso aperto e senza fare calcoli, cercando di mettere in mostra un calcio perennemente d’attacco. Il risultato si sblocca subito, perché non ci è nemmeno il tempo di mettersi comodi in tribuna e Carpiano passa, quando Abate serve Angarano appostato al limite dell’area che fa centro con un gran destro. È solo il preludio della partenza sprint dei biancoblu, perché se G. Luce è bravissimo a sventare la rasoiata di Lamanna, dalla parte opposta del campo lo è ancora di più Cozza, azionato in contropiede da Angarano per mettere a segno il raddoppio. Sono passati appena tre minuti e Carpiano ha già pienamente in mano il match e potrebbe addirittura metterlo in ghiaccio poco dopo, quando Albamonte ci prova da distanza siderale scheggiando l’incrocio dei pali. Maledetta fin lì ci ha capito poco, ma i gialloneri possono pure loro contare su una straordinaria batteria di campioni e infatti Genovese estrae dal cilindro una straordinaria prodezza balistica che riapre completamente ogni discorso.

A mantenere le redini della gara è comunque Carpiano che non dilaga solo perché Paparusso è in vena di miracoli e dice di no ad Angarano dopo una grande azione corale, poi fa ancora meglio sul tentativo dalla distanza di Albamonte e il conseguente tap-in di Angarano, mentre Cozza lo grazia spedendo fuori da pochi passi un comodo colpo di testa. Sul finire del primo tempo però i ragazzi di Luce tirano un po’ il fiato e Maledetta, che fino a quel momento ha praticamente solo sofferto, per poco non raggiunge il pari: il team di Giussani però non è fortunato quando l’incursione di Vynohradov termina sul palo, mentre Sassi su punizione viene stoppato dal grande intervento di G. Luce.

Si va al riposo con l’esito della gara ancora in bilico, ma alla ripresa delle operazioni Carpiano riparte forte per trovare lo strattone vincente. Paparusso è super sulla conclusione di fuori di Angarano, ma non può nulla sull’ennesima progressione di Cozza, una vera arma letale quando ha un po’ di spazio a disposizione. Maledetta si ritrova così a dover scalare un vero e proprio Everest e per di più i gialloneri continuano a non essere fortunati: la dimostrazione arriva quando nella stessa azione una prima conclusione di Mazzoleni si spegne sul palo e una seconda di Giussani va a centrare la traversa.

E siccome piove sempre sul bagnato, pochi istanti dopo Carpiano passa alla cassa con il solito Cozza che dalla lunga distanza indovina un gran diagonale su cui Paparusso non può nulla. I biancoblu a questo punto si rilassano e gestiscono l’ampio vantaggio senza eccessivi patemi, ma come spesso gli capita nei minuti finali iniziano ad abbassare di troppo il livello di attenzione, pagando dazio: un errore in disimpegno di Abate consente a Spinelli di riavvicinare Maledetta, mentre pochi secondi dopo è una dormita di G. Luce a regalare a Giussani il gol che riapre clamorosamente i giochi. Carpiano però è una grande squadra e quando bisogna rimettersi a fare sul serio non si fa pregare. Così in pieno recupero una magia di Abate spalanca la porta ad Albamonte per il definitivo 5-3 che sancisce il trionfo del Luce Team.

Carpiano va ai quarti e uno scherzo del destino la mette di fronte proprio come un anno fa a La Calva. Dodici mesi fa i biancoblu ribaltarono tutti i pronostici e mandarono al tappeto i favoriti. La storia si ripeterà? Intanto è giusto applaudire Maledetta, protagonista di un grande Primaverile.     
Video della gara disponibile su ElFootballTV –clicca e visiona–

Clicca e accedi al Tabellone Play-Off Coppa Primavera calcio a 7

8,

Lug at 11:48 PM

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *