Registrati





A password will be e-mailed to you.

I nostri Footballers:

Subscribe via Twitter
Followers
Subscribe via Facebook
Fans
Subscribe via Email
Subscribe
Subscribe via RSS
Readers
Su Erbasintetica.com trovi i migliori prati in erba sintetica per i tuoi campi da gioco.
Sur GazonSynthètique24.com vous trouver les meilleures pelouses en gazon synthétique pour vos terrains de jeux.

The Blog Single Page

Elfootball organizzazioni sportive > Semifinali Playoff Primavera calcio a 5

Semifinali Playoff Primavera calcio a 5

Due semifinali stellari per una finalissima che promette di essere la più bella di sempre. All'ultimo atto del Primaverile del calcio a 5 arrivano le due squadre più forti, quelle che non a caso entravano in corsa proprio in semifinale dopo aver vinto il proprio girone. Tropa d'Elite e Carrozzeria Catalani hanno però trovato pane per i loro denti e non hanno avuto affatto vita facile contro le ottime Benvenuti al Sud e Real Pucchi H che tengono botta a lungo prima di cedere, malgrado fossero sulla carta sfavorite. Alla fine però sono appunto biancorossi e neroverdi a spuntarla, dandosi appuntamento lunedì a Cormano per la sfida finale. Impossibile dire se la spunteranno i campioni dell'ultimo Master, che centrerebbero così una doppietta mai riuscita a nessuno, o la squadra più titolata nella storia del Primaverile, che insegue il quinto titolo.

L'indimenticabile serata di Cormano si apre con un infinito distillato di classe e di campioni, vale a dire Tropa d'EliteBenvenuti al Sud. Un match che si preannunciava imperdibile e che ha rispettato davvero tutte le attese sin dalle primissime battute. Gli Orange cominciano senza alcun tipo di timore reverenziale rispetto alla più quotata rivale e sciorinano un gioco piacevole grazie alla coppia formata da Pasquale Lanotte e Basilicata. È proprio quest'ultimo ad aprire le danze con una punizione da antologia, ma la rete subita desta dal torpore la squadra di D'Alessandro.

Ciaramella suona la carica e nel giro di un minuto il risultato è completamente ribaltato: è Rauseo a pareggiare spingendo in rete da due passi un assist al bacio di Posca, quindi è un diagonale al tritolo di Dinoia a garantire il sorpasso. Le due compagini continuano così a giocarsela a viso aperto e le occasioni fioccano da una parte e dall'altra, ma sul finire del primo tempo una seconda accelerata di Tropa d'Elite piega le gambe al team di D'Amico. Anche stavolta succede tutto in sessanta secondi, perché prima Agosto buca Cordaro su tiro libero, poi è Spina a ribadire in gol da due passi una violenta conclusione di Agosto. A pochi istanti dall'intervallo è invece il palo a negare a Spina il colpo del ko e così si va a riposo con Benvenuti al Sud tramortita, ma ancora in grado di rialzarsi.

Ed è ciò che effettivamente capita, visto che gli Orange riescono a rimettersi in corsa praticamente subito, quando Pasquale Lanotte fa centro dal dischetto in avvio di ripresa. Tropa d'Elite è però un autentico Equipazo e sa che non può permettersi di rilassarsi contro una rivale simile. Così ci mette pochissimo a ristabilire le distanze e infatti è Rauso con una velenosa conclusione dalla distanza a rispondere per le rime. Sarà questo il copione di tutto il secondo tempo: ogni volta che Benvenuti al Sud si riavvicina, Tropa d'Elite la ricaccia indietro per una pratica estremamente frustrante che alla lunga logora e condanna la squadra di D'Amico.

È ciò che capita quando Basilicata pesca l'ennesimo jolly su punizione e un minuto dopo Dinoia non perdona dal dischetto. Quindi è un pezzo di bravura di Caputo a riaprire ogni discussione e a quel punto Benvenuti al Sud ci crede davvero, perché un gol minerebbe probabilmente le certezze dei biancorossi che iniziano ad accusare la fatica. In queste situazioni c'è bisogno delle prodezze dei singoli e da questo punto di vista Tropa non è inferiore a nessuno; i panni dell'eroe li veste così D'Alessandro che nel giro di un minuto garantisce ai suoi l'approdo in finale con due giocate favolose, praticamente in fotocopia: fuga a tutta velocità sulla sinistra e colpo da biliardo sul secondo palo.

Questa volta gli Orange accusano il tremendo uno – due e alzano bandiera bianca, anche se nel finale Basilicata renderà il passivo meno amaro realizzando un tiro libero. Finisce 8-5 e Tropa d'Elite va a giocarsi l'ennesima finale della sua gloriosa storia, mentre Benvenuti al Sud al di là dell'inevitabile amarezza ha dimostrato di poter diventare un'assoluta protagonista del panorama ElFootball (Video della gara disponibile su ElFootballTV).

Spettacolo a non finire anche nell'altra semifinale, quella tra Carrozzeria Catalani e Real Pucchi H. A condizionare le ambizioni della squadra del Re Sole Roberto Silva erano le numerosissime assenze che parevano condannare i biancoverdi ancor prima di scendere in campo, ma in realtà il Real gioca una signora gara e si arrende solo in Zona Cesarini. Eppure la seconda semifinale sembra dover essere un monologo neroverde, perché si apre nel segno di Prencipe che nel giro di sei minuti affetta la difesa avversaria colpendo due volte alla sua maniera, mentre è una conclusione chirurgica di Crea ad assicurare il tris.

Parrebbero i presupposti per una mattanza in piena regola, ma una volta ritrovatasi con le spalle al muro la Pucchi H incomincia a mordere davvero. In cattedra sale Chiodo che prima cucina la rete in tap-in di Bonura, poi riapre completamente il discorso su punizione. La gara diventa così entusiasmante e se Merafina sembra rimettere i suoi nuovamente al riparo da brutte sorprese, è invece Leotta a mantenere tutto in bilico prima dell'intervallo.

Il match prosegue sul filo sottile dell'equilibrio anche nella ripresa e si tramuta in duello a distanza tra Crea e Chiodo che come due pistoleri all'OK Corral danno fondo a tutte le loro cartucce. Il numero 10 si inventa infatti due autentici gioielli, ma entrambe le volte il 98 biancoverde dimostra di non essere da meno e risponde da bomber consumato. Si arriva così a un finale in volata, impensabile dopo i primi minuti di gioco, ma il thriller manca all'appello perché il Real si sbottona troppo alla ricerca del pari e viene severamente castigato da uno spietato Dakaj che finalizza due contropiedi in maniera assolutamente identica facendo pendere definitivamente la bilancia dalla parte dei Catalani.

Carrozzeria si gode il trionfo ed è pronta a gettare il guanto di sfida a Tropa d'Elite. Mastica amaro invece Real Pucchi H che si chiede cosa sarebbe successo se avesse potuto affrontare la semifinale a ranghi completi. Impossibile dirlo, quel che è certo è che i ragazzi di Silva sono usciti dal centro di Cormano a testa altissima (Video della gara disponibile su ElFootballTV).

8,

Lug at 10:10 AM

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *